Cinquanta vittime italiane di sacerdoti pedofili hanno manifestato per la prima volta in Italia nei pressi della Città del Vaticano, a Roma. Una protesta organizzata nel giorno dell’apertura del sinodo dei vescovi sui giovani e al termine della due giorni organizzata dal Coordinamento internazionale delle vittime di violenze sessuali commesse da membri del clero. Presenti gli alunni sordi dell’istituto Provolo di Verona e Arturo Borrelli, che da dieci anni denuncia le violenze subite in adolescenza dal parroco di Ponticelli don Silverio Mura. Solo pochi giorni fa, il parroco di Milano don Mauro Galli è stato condannato a 6 anni e 4 mesi di reclusione in primo grado per le violenze subite da Alessandro Battaglia quando aveva solo 15 anni.