Le telecamere di Fanpage.it sono andate a Catania, nel quartiere in cui operava il sacerdote arrestato, per capire quale fosse l’atteggiamento di Padre Pio Guidolin nei confronti dei ragazzi della sua parrocchia. È accusato di violenza sessuale su minori: li avrebbe costretti a compiere e subire rapporti sessuali cospargendoli di olio santo. I giovani provenivano da famiglie disagiate: provati da vicende personali che li avevano turbati, sarebbero stati convinti da Don Pio che quegli atti sessuali fossero “purificatori” e che, dunque, servissero a lenire le loro sofferenze interiori. Il prete avrebbe persino millantato la possibilità di far intervenire esponenti della criminalità organizzata etnea per far pressione sui genitori delle vittime, determinatisi a denunciare i fatti.